Vai al men¨ principale Vai al men¨ secondario Vai ai contenuti Vai a fondo pagina
Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Conti di Milano
ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE
"ETTORE CONTI"
Via Angelo De Vincenti, 11 ľ 20148 - Milano - Tel. 02 405008-09 - Fax 02 40070327
Via Ugo Betti, 56 - 20151 - Milano - Tel. 02 33401520
Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Conti di Milano
Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Conti di Milano
ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE
"ETTORE CONTI"
I pi¨ veloci del Monte Stella
Finali Provinciali Corsa Campestre

Lo scenario era quello abituale e coloratissimo, di quando centinaia di studentesse e studenti, divisi nelle categorie esordienti e allievi, “invadono” il verdissimo spazio dell’unica “altura” del capoluogo lombardo . Il Monte Stella , così chiamato dal progettista architetto Piero Bottoni, in onore di sua moglie Elsa Stella , ribattezzato affettuosamente la Montagnetta da tutti i milanesi.

Il percorso,  tracciato dal mitico Giorgio Rondelli, figura carismatica dell’atletica leggera italiana, allenatore di indimenticabili campioni quali Alberto Cova e Giorgio Panetta, si snodava lungo il lato della Montagnetta rivolto verso la stazione MM di Lampugnano,  includendo una velenosa rampa o salitella che dir si voglia, prima della retta finale d’arrivo.

Eccellente risultato della nostra rappresentativa maschile, con il quartetto Nizzi, Canal, Schiavone e Coletta vincitore della classifica a squadre , grazie agli ottimi piazzamenti ( secondo, sesto e dodicesimo rispettivamente) . Buona anche la prova delle ragazze Veneruso, Veggiani, Barbieri e D’Addari . 

Come ben sappiamo , vedere, assistere o vivere direttamente qualcosa, varia sensibilmente percezioni e sensazioni, quindi, niente di meglio che un “diario di corsa” da uno dei quattro vincitori della prova a squadre : Harold Canal Cáceres , il corridore della Cordillera de los Andes  , originario di Cuzco , capitale storica del Perù, dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità nel 1983 e situata a ben 3.499 metri di quota.

Prossimo appuntamento per i ragazzi: 1 marzo 2016,  Parco della Villa Reale di Monza. Finale Regionale.

Guglielmo Malusardi

 

Nell’attesa , in parole, grinta, emozione e sudore , l’articolo di Harold :

Cosa dire, il 17 di Dicembre 2015, è stato un giorno unico.

Ragazzi, come me, selezionati dalle proprie scuole per la corsa campestre. WOW!!! Il ritrovo era al mattino, nel parco Monte Stella, Milano, Italia.

Arrivati là, i miei compagni ed io, ci siamo messi gli indumenti per la corsa e visto che non  avevo le scarpe adatte per la corsa, un compagno mi offri le sue scarpe per la gara: GRAZIE MATTEO! ( gli avevamo portato un paio di “chiodate” ma il percorso ce ne ha sconsigliato l’uso, quindi Matteo Briscini, riserva in campo , ha ceduto a Harold le sue scarpe per la gara ndr)

Prima della gara, mentre facevamo dei giri di riscaldamento, abbiamo incontrato gli altri concorrenti, che come noi,  ad ogni secondo trascorso sentivano un vulcano, al loro interno, che stava per esplodere.

Trascorsi un paio di minuti ci siamo posizionati sulla linea di partenza aspettando di  sentire il suono della libertà dello sparo dello starter.

Ero contento, ansioso, ma pronto per la battaglia come un gladiatore prima di lottare contro un leone per la propria vita.

Nella mia testa, per incoraggiarmi, continuavo a dirmi "Solo due giri, due giri, Solo due giri di gloria e niente altro.

In quel momento lo starter preme il grilletto; era iniziata la gara e tutti ci impossessammo del campo nello stesso modo in cui il mare copre la spiaggia.

Nel primo giro tutti i partecipanti, compreso io, eravamo insieme e ad ogni passo abbiamo sollevavamo sassolini, erba, nello stesso modo in cui un tornado solleva macchine e case, ma tutto cambiò nel secondo giro, quando 6 concorrenti si staccarono dal gruppo.

Questo gruppetto era composta da persone toste che non volevano mollare per arrivare al podio, nessuno  aveva il coraggio di fermarsi e smettere di correre, tra quelle persone c'ero io.

La gara sembrava non finire mai finché abbiamo visto il traguardo e lì abbiamo dato il massimo per raggiungere la migliore posizione nella classifica finale.

Non potevo crederci e non riesco a crederci ancora di essere arrivato al podio con gli altri 5 concorrenti. WOW!!!

Mentre mi consegnavano la mia medaglia, il mio cuore mi diceva: AVEVI MOLTO DA PERDERE E POCO DA VINCERE, bravo hai fatto la tua scelta e adesso sei sul podio perché hai scelto di vincere.


Categoria: Gruppo SportivoData di pubblicazione: 25/02/2016
Sottocategoria: Sport NewsData ultima modifica: 26/02/2016 10:58:05
Inserita da Guglielmo MalusardiVisualizzazioni: 1971
Pagina disponibile anche nella sezione: Gruppo Sportivo - Sport NewsPagina disponibile anche nella sezione: Informazioni - Anno scolastico 2015/2016
Top news: NoPrimo piano: No

 Feed RSSStampa la pagina 
HTML5+CSS3
Copyright © 2007/2022 by www.massimolenzi.com - Credits
Utenti connessi: 2067
N. visitatori: 12206424